Victoria Day

No class on Victoria DAY weekend - niente lezioni sabato 19 e lunedì 21 maggio

2016/09/29

Letture italiane

Il Libro "Cuore"di Edmondo De Amicis

Inese ci scrive:

Al momento, leggo un libro italiano che ho preso in prestito dalla biblioteca e che è uno dei più letti e popolari libri dei ragazzi italiani. Questo libro classico, Cuore, è stato scritto da Edmondo de Amicis nel 1868 e dipinge un mondo che non esiste più, ma che tratta di temi universali come l'amore ed il rispetto per gli amici, la famiglia, e il proprio paese.
Cuore è scritto come il diario di Enrico Bottini, un ragazzino di nove anni, che racconta la sua vita come alunno della terza elementare di una scuola municipale vicino a Torino. I racconti sono divisi per mese, e ogni corto racconto narra un avvenimento della sua giornata scolastica che impartisce  lezioni sulla vita al mondo.
I compagni di Enrico sono soprattutto figli di operai, poveri e laboriosi, per esempio muratori, fabbri ferrai e rivenditori di legna. Anche gli alunni sono diversi: uno straniero, il ragazzo calabrese; un povero gobbino; uno che sa fare il muso di lepre; un grugnone che non parla con nessuno; uno che era già espulso da un'altra sezione; un altro con un braccio morto. Ma come gli dice il loro maestro il signor Perboni: Mostratemi che siete ragazzi di cuore; la nostra scuola sarà una famiglia...
E così comincia il romanzo Cuore.





Oggi primo giorno di scuola. Passarono come un sogno quei tre mesi di vacanza in campagna! Mia madre mi condusse questa mattina alla Sezione Baretti a farmi inscrivere per la terza elementare: io pensavo alla campagna e andavo di mala voglia. Tutte le strade brulicavano di ragazzi; le due botteghe di libraio erano affollate di padri e di madri che compravano zaini, cartelle e quaderni, e davanti alla scuola s’accalcava tanta gente che il bidello e la guardia civica duravan fatica a tenere sgombra la porta. Vicino alla porta, mi sentii toccare una spalla: era il mio maestro della seconda, sempre allegro, coi suoi capelli rossi arruffati, che mi disse: – Dunque, Enrico, siamo separati per sempre? – Io lo sapevo bene; eppure mi fecero pena quelle parole. Entrammo a stento. Signore, signori, donne del popolo, operai, ufficiali, nonne, serve, tutti coi ragazzi per una mano e i libretti di promozione nell’altra, empivan la stanza d’entrata e le scale, facendo un ronzio che pareva d’entrare in un teatro. Lo rividi con piacere quel grande camerone a terreno, con le porte delle sette classi, dove passai per tre 14 anni quasi tutti i giorni. C’era folla, le maestre andavano e venivano...

Scaricatelo in formato pdf da questa pagina
oppure ascoltatelo scaricando il formato preferito da questa pagina